Fca dice sì al salario minimo (per dare una spallata ai contratti nazionali)

Il contratto collettivo nazionale, a Fca, non piace da un pezzo, da quando Sergio Marchionne orchestrò l'uscita dell'azienda da Confindustria pur di applicare un contratto specifico aziendale, e più svantaggioso per i lavoratori, e di riconoscere la rappresentanza ai soli sindacati firmatari di tale contratto. Un'iniziativa che determinò una lunga querelle con la Fiom Cgil … Continua a leggere Fca dice sì al salario minimo (per dare una spallata ai contratti nazionali)